L’INPS, con il messaggio 3634/2019, tenuto conto delle domande e delle risorse finanziarie impegnate, ha reso noto che i datori di lavoro, già autorizzati allo sgravio contributivo sui premi di risultato corrisposti nel 2013 in base a quanto previsto dalla contrattazione di secondo livello, possono recuperare un ulteriore 0,22%.
L’Istituto fornisce poi le seguenti istruzioni operative:
– ai datori di lavoro non agricoli sarà automaticamente assegnato il già previsto codice di autorizzazione “9D”, e in sede di conguaglio dovranno utilizzare i codici causale differenti rispetto la tipologia contrattuale. Tali operazioni dovranno essere effettuate entro il giorno 16 del terzo mese successivo a quello di pubblicazione del messaggio in oggetto. Il datore di lavoro dovrà successivamente restituire al lavoratore la quota di beneficio di sua competenza;
– i datori di lavoro agricoli potranno recuperare compensando sui contributi dovuti l’ulteriore percentuale di sgravio, utilizzando il modulo “SC94”.

Fonte: Messaggio INPS 8.10.2019 n. 3634 – Il Quotidiano del Commercialista del 9.10.2019 – “Tetto retributivo al 2,47% per lo sgravio sulle erogazioni previste dai contratti di secondo livello” – Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'invio dei commenti tramite il presente modulo comporta l'accettazione del trattamento dei dati personali, secondo quanto riportato nell' Informativa Privacy