Con la risposta interpello 9.10.2019 n. 400, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’eccedenza di contributi previdenziali dedotti dal reddito soggetto al regime forfetario (ex L. 190/2014) nel 2017 e utilizzata in compensazione nel corso del 2018 deve essere assoggettata a tassazione nell’ambito dello stesso regime impositivo in cui la somma compensata era stata originariamente dedotta, ossia nel quadro LM (anzichè nel quadro RM).
A livello operativo, l’importo eccedente il dovuto e utilizzato in compensazione deve essere recuperato a tassazione nel periodo d’imposta successivo, indicandolo al rigo LM35 (in sostanza, portando in riduzione dai contributi previdenziali deducibili, indicati nel rigo LM35 del modello REDDITI 2019 – periodo 2018, l’importo del credito INPS utilizzato in compensazione).

Fonte: Risposta interpello Agenzia delle Entrate 9.10.2019 n. 400 – Il Quotidiano del Commercialista del 10.10.2019 – “Per i forfetari contributi INPS dedotti e compensati da tassare nel quadro LM” – Negro – Rivetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'invio dei commenti tramite il presente modulo comporta l'accettazione del trattamento dei dati personali, secondo quanto riportato nell' Informativa Privacy