Con il provv. 31.10.2019 n. 739122, l’Agenzia delle Entrate ha definito le regole tecniche mediante le quali gli esercenti potranno inviare i dati dei documenti commerciali validi per partecipare alla c.d. “lotteria degli scontrini”, che prenderà avvio dall’1.1.2020.
In particolare, viene stabilito che, entro il 31.12.2019, tutti i modelli di registratori telematici e la procedura web dell’Agenzia delle Entrate dovranno essere configurati per consentire l’acquisizione del c.d. “codice lotteria”, ossia del codice identificativo comunicato dall’acquirente per partecipare alle estrazioni.
I registratori consentiranno di:
– generare un file contenente i dati dei soli documenti commerciali per i quali è stato comunicato il codice;
– inviare il file mediante un nuovo servizio dedicato, che sfrutta l’impianto già esistente per la trasmissione dei corrispettivi.
L’invio potrà avvenire in un orario casuale nel corso della giornata di emissione del documento, ovvero entro 12 giorni dall’effettuazione delle operazioni.
Un’eccezione è prevista per i soggetti tenuti a trasmettere i dati al Sistema Tessera sanitaria (medici, farmacie, ecc.). Infatti, fino al 30.6.2020, i registratori telematici utilizzati da tali soggetti non potranno inviare i dati necessari all’attuazione della lotteria.
Si precisa che il provvedimento dell’Agenzia ha ottenuto il parere favorevole del Garante della Privacy (provv. 31.10.2019 n. 197).
Ai fini della partecipazione alla c.d. “lotteria degli scontrini” di cui all’art. 1 co. 540 della L. 232/2016, è necessario che l’acquirente dei beni o servizi comunichi all’esercente il proprio codice identificativo e che quest’ultimo trasmetta il codice e i dati dell’operazione all’Agenzia delle Entrate.
Allo scopo di garantire il funzionamento della lotteria, l’art. 20 del DL 124/2019 prevede una specifica sanzione amministrativa in capo agli esercenti che rifiutino di acquisire il codice comunicato dall’acquirente o che omettano di trasmettere all’Agenzia delle Entrate i dati delle operazioni.
La misura della sanzione è compresa tra 100,00 e 500,00 euro.
Resta ferma l’inapplicabilità del cumulo giuridico ex art. 12 del DLgs. 472/97.
Inoltre, nel primo semestre di operatività della lotteria, la sanzione non si applica agli esercenti che, temporaneamente, adempiono l’obbligo di memorizzazione elettronica dei corrispettivi mediante i misuratori fiscali già in uso o mediante l’emissione della ricevuta fiscale.
L’Agenzia delle Entrate deve ancora aggiornare il c.d. “Documento Commerciale On-line, in quanto mancante del campo “Codice lotteria” che consentirebbe all’acquirente di partecipare alla lotteria.
Occorre evidenziare che l’art. 20 del DL 124/2019 richiama ancora il codice fiscale del cliente anziché il “codice lotteria” previsto dal provv. 31.1.2019 n. 739122.

Fonte: Provvedimento Garante Privacy 31.10.2019 n. 197 – Provvedimento Agenzia Entrate 31.10.2019 n. 739122 – Art. 20 DL 26.10.2019 n. 124 – Il Quotidiano del Commercialista del 1.11.2019 – “Registratori telematici da aggiornare entro fine anno per la lotteria degli scontrini” – Cosentino – Il Quotidiano del Commercialista del 4.11.2019 – “Lotteria degli scontrini con sanzione soft” – Cosentino – Greco – News Essepigroup.it – S.M.Perego

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'invio dei commenti tramite il presente modulo comporta l'accettazione del trattamento dei dati personali, secondo quanto riportato nell' Informativa Privacy