I soggetti che si avvalgono del regime forfetario di cui alla L. 190/2014 e che effettuano operazioni nell’ambito del commercio al dettaglio o di attività assimilate non beneficiano di alcun esonero specifico dall’obbligo di memorizzazione elettronica e di trasmissione telematica dei corrispettivi di cui all’art. 2 co. 1 del DLgs. 127/2015.
Tuttavia, secondo quanto evidenziato dall’Autore, la memorizzazione e la trasmissione dei corrispettivi non sono obbligatorie nel caso di operazioni per le quali viene emessa fattura, la quale, per i soggetti in regime forfetario, può essere anche in formato cartaceo (art. 1 co. 3 del DLgs. 127/2015). Tale modalità di assolvimento degli obblighi documentali, dunque, potrà essere adottata dai soggetti che, di norma, effettuano un numero ridotto di operazioni giornaliere.
Si rileva, infine, che il Ddl. di bilancio 2020 prevede la riduzione di un anno dei termini di decadenza per l’accertamento per i soggetti in regime forfetario che aderiranno volontariamente alla fatturazione elettronica.

Fonte: Notiziario Eutekne – Circolare clienti n. 45_2019 “Nuovi obblighi per contribuenti minimi e forfetari e soppressione delle ricevute fiscali e dei registratori di cassa – Nuovi Registratori telematici” – S.M.Perego

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'invio dei commenti tramite il presente modulo comporta l'accettazione del trattamento dei dati personali, secondo quanto riportato nell' Informativa Privacy