Con la circ. 13.1.2020 n. 4, l’INPS ha illustrato i criteri adottati nell’esame delle domande di indennizzo per la cessazione dell’attività commerciale ex DLgs. 207/96, alla luce del duplice intervento normativo rappresentato dall’art. 1 co. 283 e 284 della L. 145/2018 (legge di bilancio 2019), che ha reso strutturale tale misura, nonché dall’art. 11-ter del DL 101/2019, che ha ampliato la platea dei beneficiari, estendendola anche a coloro che hanno cessato l’attività nel biennio 2017/2018.
Con l’occasione, l’Istituto previdenziale ha chiarito che, già con decorrenza 3.11.2019, data di entrata in vigore della L. 128/2019, di conversione del DL 101/2019, possono presentare la richiesta di indennizzo anche i soggetti che hanno cessato definitivamente l’attività commerciale dall’1.1.2017.
Verranno quindi riesaminate le istanze in precedenza respinte dall’INPS in quanto presentate da soggetti che avevano cessato l’attività prima dell’1.1.2019.
In ogni caso, precisa l’INPS, stante la data di entrata in vigore della L. 128/2019, la decorrenza del trattamento non potrà comunque essere anteriore all’1.12.2019.

Fonte: Circ. INPS 13.1.2020 n. 4 – Il Quotidiano del Commercialista del 15.1.2020 – “Cessazione di attività commerciali con indennizzo da dicembre 2019”Mamone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'invio dei commenti tramite il presente modulo comporta l'accettazione del trattamento dei dati personali, secondo quanto riportato nell' Informativa Privacy