Con il messaggio 9.1.2020 n. 54, l’INPS ha reso disponibili due modelli per dichiarare la presenza o meno di redditi incumulabili con la pensione anticipata “Quota 100” ex art. 14 del DL 4/2019, riservata, per il triennio 2019/2021, agli iscritti alle gestioni dell’INPS in possesso di un’età anagrafica non inferiore a 62 anni e di un’anzianità contributiva non inferiore a 38 anni.
Si ricorda, infatti, che tale anticipo pensionistico non è cumulabile, a far data dal primo giorno di decorrenza della pensione e fino alla maturazione dei requisiti per la pensione di vecchiaia, con i redditi da lavoro dipendente o autonomo, ad eccezione di quelli derivanti da lavoro autonomo occasionale, nel limite di 5.000,00 euro lordi annui.
Sul punto, nel citato messaggio si rende noto che è possibile effettuare la dichiarazione reddituale in argomento utilizzando il modello AP140 in occasione della presentazione della domanda di pensione Quota 100, ovvero il modello AP139 se si è già titolari della pensione medesima.

Fonte: Messaggio INPS 9.1.2020 n. 54 – Il Quotidiano del Commercialista del 11.1.2020 – “Per l’incumulabilità dei redditi con Quota 100 la dichiarazione si sdoppia” – Mamone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'invio dei commenti tramite il presente modulo comporta l'accettazione del trattamento dei dati personali, secondo quanto riportato nell' Informativa Privacy