L’INPS, con il messaggio 13.1.2020 n. 78, ha fornito le istruzioni per procedere, entro il 15.1.2020, al versamento dei contributi sospesi dal DL 189/2016, in seguito agli eventi sismici che hanno colpito le Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo tra il 2016 e il 2017.
Le istruzioni sono rivolte a:
– aziende con dipendenti;
– artigiani e commercianti;
– liberi professionisti e committenti;
– aziende agricole e lavoratori agricoli autonomi e concedenti a piccola colonia e compartecipazione familiare;
– datori di lavoro domestico;
– aziende con natura giuridica privata con dipendenti iscritti alla gestione pubblica.
Premesso che l’onere contributivo a carico del datore di lavoro è stato ridotto al 40%, a condizione che si rispetti la normativa comunitaria in materia di aiuti de minimis (art. 8 co. 2-bis del DL 123/2019), l’Istituto di previdenza chiarisce che:
– le istruzioni fornite riguardano il versamento della contribuzione sospesa nella misura del 100% per la quota a carico del datore di lavoro, mentre quelle per presentare istanza di riduzione saranno fornite prossimamente;
– il versamento dovrà avvenire, ad eccezione del lavoro domestico, compilando il modello F24.

Fonte: messaggio INPS 13.1.2020 n. 78 – Il Quotidiano del Commercialista del 14.1.2020 – “Contributi sospesi per il sisma da versare entro il 15 gennaio” – Tombari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'invio dei commenti tramite il presente modulo comporta l'accettazione del trattamento dei dati personali, secondo quanto riportato nell' Informativa Privacy