L’INPS, con la circ. 20/2020, rende noti gli importi massimi, relativi all’anno 2020:
– dei trattamenti di integrazione salariale;
– dell’assegno ordinario e dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito e per il Fondo di solidarietà del Credito Cooperativo;
– dell’indennità di disoccupazione NASpI, DIS-COLL e agricola;
– dell’assegno di sussidio per Attività Socialmente Utili (ASU).
Con riguardo ai trattamenti CIG, gli importi massimi mensili indicati sono soggetti alla riduzione del 5,84% (ai sensi dell’art. 26 della L. 41/86) e devono essere incrementati del 20% per i trattamenti concessi in favore delle imprese del settore edile e lapideo per intemperie stagionali.
In merito alla NASpI e alla DIS-COLL, la retribuzione da prendere a riferimento per il calcolo è fissata in misura pari a 1.227,55 euro, mentre l’importo massimo mensile dell’indennità, per cui non opera la riduzione del 5,84%, non può in ogni caso superare, per il 2020, 1.335,40 euro.
In merito alla disoccupazione agricola, si ricorda che i massimali, in virtù del principio di competenza, sono quelli indicati dalla circ. INPS 5/2019, con riferimento al trattamento di integrazione salariale.

Fonte: Circ. INPS 10.2.2020 n. 20 – Il Quotidiano del Commercialista del 11.2.2020 – “Nuovi massimali mensili relativi a CIG e NASpI per il 2020” – Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'invio dei commenti tramite il presente modulo comporta l'accettazione del trattamento dei dati personali, secondo quanto riportato nell' Informativa Privacy