L’INPS, con la circ. 14.2.2020 n. 27, ha riepilogato la disciplina del contributo erogato alle famiglie con bambini nati o adottati dall’1.1.2016 (art. 1 co. 335 della L. 232/2016), fruibile alternativamente sotto forma di contributo:
– per i servizi all’infanzia (c.d. “bonus asilo nido”), per il pagamento delle rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati;
– erogato a fini assistenziali, in caso di bambini fino a 3 anni affetti da gravi patologie croniche, al fine di favorire l’introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione.
L’art. 1 co. 343 della L. 160/2019 (legge di bilancio 2020) ha disposto un incremento della misura del bonus, portandolo ad un massimo di:
– 3.000,00 euro, per i nuclei familiari in possesso di un ISEE minorenni fino a 25.000,00 euro;
– 2.500,00 euro, per i nuclei familiari con un ISEE minorenni da 25.001,00 euro fino a 40.000,00 euro.
L’INPS chiarisce che, per accedere alla prestazione per l’anno 2020, è prevista una procedura di presentazione delle domande “agevolata” per i genitori che l’abbiano già presentata nel 2019, che consente di inoltrare l’istanza confermando o modificando i dati già precaricati in procedura.

Fonte: Circ. INPS 14.2.2020 n. 27 – Il Quotidiano del Commercialista del 18.2.2020 – “Bonus asili nido 2020 variabile in base all’ISEE” – Tombari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'invio dei commenti tramite il presente modulo comporta l'accettazione del trattamento dei dati personali, secondo quanto riportato nell' Informativa Privacy